“Amici miei, mi rivolgo a tutti voi, stasera, per ciò che davvero siete… illusionisti, sirene, viaggiatori, avventurieri e maghi… Venite a sognare con me.”

– Georges Méliès

I Google Doodle sono una tradizione oramai consolidata, oltre che molto amata, che celebrano importanti traguardi ed eventi nella storia dell’umanità; sia in chiave storica che artistica. A pari passo con l’interesse dell’azienda statunitense nei confronti della tecnologia spaziale, è stato presentato, quindi, il primo Doodle in VR, chiamato “Back to the Moon: un’esperienza esplorabile a 360° che può essere guardata perfino tramite visore. Realizzato in collaborazione con i team di Google Spotlight Stories, Google Arts & Culture e della Cinémathèque Française, il Doodle celebra l’opera di Georges Méliès, pionieristico illusionista e regista francese, in occasione dell’anniversario di uno dei suoi più rinomati capolavori: À la Conquête du Pôle (Alla Conquista del Polo, 1912). Georges Méliès viene altresì ricordato come uno dei padri del cinema, quale visionario inventore di numerose soluzioni cinematografiche tecniche e narrative, in particolar modo per il suo rivoluzionario utilizzo degli effetti speciali, per la creazione di alcuni dei primi film di fantascienza, come Le Voyage dans la Lune (Viaggio nella Luna, 1902), di palese ispirazione verniana, e i primi tentativi di film horror con Le Manoir du Diable (Il Maniero del Diavolo, 1896), contribuendo, così, allo sviluppo del linguaggio cinematografico futuro.

Google ha creato oltre 2.000 Doodle nel corso degli anni, realizzando dapprima dei loghi alternativi sul proprio motore di ricerca, con l’intento iniziale di celebrare le festività più diffuse, per poi rappresentare molti eventi, anniversari e ricorrenze di ogni tipo. Il lavoro dedicato a Méliès testimonia come l’idea del Doodle si sia evoluta dalla pubblicazione del primissimo esperimento di Google, risalente al 30 agosto 1998, ovvero un omino stilizzato dedicato al Burning Man Festival in Nevada, sino a giungere, da quei pochi segni grafici, a veri e propri corti d’animazione, frutto dell’ingegno di illustratori e ingegneri di talento. Per vivere tutte le emozioni della realtà virtuale con i Google Doodle è sufficiente un dispositivo mobile, Cardboard o Daydream, scaricando Google Spotlight Stories su Google Play o dall’App Store. Per chi non dovesse avere un visore, il Doodle si potrà guardare anche come un semplice video a 360° sul canale YouTube di Google Spotlight Stories.