Fin dal momento del loro lancio, avvenuto nei primi mesi del 2016, Oculus Rift e HTC Vive si sono dati battaglia per prevalere l’uno sull’altro nel mercato dei visori, portando inevitabilmente alla formazione di due fanbase dalle solide basi, ma dai pareri contrastanti. Negli ultimi giorni, però, il visore di Oculus VR è riuscito, per la prima volta in assoluto, a superare il suo concorrente nel sondaggio mensile di Steam. Si tratta di un’indagine svolta dal sito, ottenuta scansionando l’utilizzo giornaliero dei PC dai vari utenti, individuando anche l’eventuale sfruttamento di visori collegati ad essi. Dopo diverso tempo, durante il quale si è apprestato a raggiungere il VIVE, Oculus VR (a gennaio) era quasi riuscita nel suo intento, con una sottile differenza dello 0.9% a separare i due caschi. Ma la vera sorpresa è arrivata a febbraio, quando Oculus VR ha oltrepassato abbondantemente HTC. Come potete osservare dalla tabella sottostante, il primo ha ottenuto una percentuale del 47.31% sull’uso totale dell’hardware, mentre il suo rivale è arrivato ad avere il 45.38%, portando al 2% il divario tra i due contendenti, ma questa volta non a favore di HTC. Non stiamo quindi parlando di una distanza impressionante, ma comunque di un fatto notevole, poiché fino ad ora non era mai accaduto nulla di simile.

Naturalmente tutto ciò non significa con assoluta certezza che Oculus VR abbia venduto più unità di HTC, ma porta con sé alcuni quesiti relativi all’interesse che il pubblico ha nei confronti dei due visori. Come se non bastasse, il Rift ha inoltre ottenuto il titolo di “visore più popolare” negli elenchi individuali di Steam per la seconda volta nel suo ciclo vitale. Il motivo di questi avvenimenti non può essere stabilito con certezza, ma può essere ricollegato a vari fattori, primo fra tutti la differenza sostanziale di prezzo tra i due prodotti. Difatti, Oculus VR vende il suo visore, munito di controller, al costo concorrenziale di 399$ contro i 599$ del rivale, decisamente più costoso. Tuttavia, HTC, come annunciato diverso tempo fa, si sta preparando per lanciare sul mercato l’atteso VIVE Pro: il loro ultimo visore “premium” dedicato ad utenti di fascia alta; dal costo elevato, sì, ma dalle prestazioni superiori a quelle di qualsiasi concorrenza. Continua quindi la rivalità storica tra i due brand della realtà virtuale ma, in fondo, come spesso accade, la competizione genera anche un continuo miglioramento dei prodotti offerti. A conti fatti, secondo voi, quali sono state le motivazioni che hanno sostenuto la nuova fama del Rift? Come sempre, fateci sapere la vostra tra i commenti!