Cos’è NGCodec? L’impresa, fondata nel 2012 da Oliver Gunasekara, si basa sul sostegno di aziende come Xilinx per sviluppare delle soluzioni relative alla compressione video. È stata infatti la compagnia di Gunasekara ad aver realizzato RealityCodec, una tecnologia volta alla compressione/decompressione di qualsiasi applicazione ad una bassissima latenza, ed il passo di Oliver non è stato che il primo di tanti. Durante l’edizione annuale del CES, fiera dedicata al mondo della tecnologia, NGCodec ha difatti svelato una novità straordinaria per la sua ricerca relativa al cloud che, grazie ad un nuovo fondo, potrà proseguire verso nuove vette. Un numero d’investitori, tra cui lo stesso Xilinx, Belmore Capital e la National Science Foundation, hanno infatti elargito 8 milioni di dollari all’azienda di Oliver, facendo salire l’ammontare dei capitali ad una sbalorditiva cifra di 15.9 milioni di dollari. Quali saranno però le dirette conseguenze di questi studi sulla realtà virtuale?

NGCodec è diretta ad aggiornare RealityCodec, migliorando esponenzialmente la velocità di trasmissione sulle applicazioni in realtà virtuale per arrivare ad un punto nel quale ogni visore, senza alcuna eccezione, avrà il potenziale di raggiungere le prestazioni da PC. Nel prossimo futuro, RealityCodec VR riuscirà infatti a renderizzare i tanto richiesti 90 fps e a scalare tutte le risoluzioni disponibili, arrivando anche al famigerato 4K. Riflettendo sui recenti investimenti, Oliver Gunasekara ha dichiarato:

Stiamo lavorando diligentemente per portare i nostri avanzati codec video nel cloud di Amazon, tentando di dimostrare il potenziale della tecnologia e della realtà virtuale. La chiusura di questa fase ci condurrà verso l’era del 5G, portando i nostri fondi totali ai 15.9 milioni di dollari elargiti da istituzioni come Xilinx, Belmore Capital e la NSF.

Secondo il vostro punto di vista, considerando la dipendenza che i possessori dei visori avranno nei confronti di una connessione a rete, quale sarà il destino della realtà virtuale? Vi trovate d’accordo con un futuro basato sul cloud? Come sempre, let us know!

A proposito dell'autore

Valerio

Un bradipo nato sotto le costellazioni di Sony e Nintendo, è con quel dispositivo divino noto come il Game Boy Color che ha cominciato a sognare una realtà virtuale nella quale lanciare la propria Sfera Poké. Con la maturità di una persona ormai consapevole cerca di raggiungere ogni sogno prefissato, piccolo o grande che sia, mantenendo però quella fanciullezza di un tempo.

Post correlati