Negli ultimi anni, il numero dei casi di sparatorie negli Stati Uniti è cresciuto esponenzialmente, coinvolgendo migliaia di persone innocenti. In risposta a questi tragici avvenimenti, il dipartimento della Homeland Security, lo scorso anno, ha sviluppato e rilasciato un simulatore in realtà virtuale online, per esercitazioni , chiamato EDGE (Enhanced Dynamic Geo-Social Environment), in grado di fornire un’adeguata preparazione per imparare a reagire in queste pericolose situazioni. Secondo i dati dell’FBI, circa un terzo di tutte le sparatorie dal 2000 hanno avuto luogo all’interno delle scuole. Per questa ragione, il DHS ha pensato ad un aggiornamento per EDGE incentrato su professori e lavoratori scolastici. In questo caso, ci si troverà quindi ad affrontare una vera e propria sparatoria all’interno di un istituto scolastico. Questa versione punta ad insegnare un metodo per difendere al meglio gli studenti, i feriti e se stessi. Tamara Griffith, ingegnere capo di EDGE, ha detto alla stampa:

Gli insegnanti… a loro riesce difficile identificarsi in un ruolo nel quale si aspettano di vedere proiettili volare vicino a loro. Sfortunatamente, tutto ciò sta divenendo reale… Possiamo preparare le persone al meglio.

active-shooter-simulator-vr2

Oltre a questo programma, dal costo di 5.6 milioni di dollari, creato in Unreal Engine, esistono altre applicazioni in VR dai contenuti simili. Per esempio, SurviVR (2016), creato dalla Human Condition Safety, società situata in New York, è incentrato sull’insegnare ai cittadini come sopravvivere ad una sparatoria. Tuttavia, quello che rende questa nuova versione di EDGE differente è l’enorme cura messa nel ricreare alla perfezione situazioni di forte stress e panico tipiche delle sparatorie in ambiente scolastico. Per fare ciò, gli sviluppatori hanno studiato con accuratezza molti casi del passato, tra i quali quello di Columbine e Virginia Tech, riuscendo perfino ad intervistare la mamma di uno dei ragazzi rimasti uccisi nel caso di Sandy Hook. In un’intervista avvenuta con VRScout, Steven Sato, direttore della tecnologia di un distretto scolastico della California, nonché esperto di tecnologia VR/AR e specialista delle tecnologie immersive da integrare nel mondo educativo, ha affermato:

Qui in California facciamo esercitazioni per terremoti, e scuole dall’altra parte degli USA fanno esercitazioni per il blocco scolastico in caso accada una situazione simile nel vicinato o in un’altra area della scuola. Sfortunatamente, quasi nessuna scuola svolge esercitazioni per sparatorie in ambiente scolastico.

active-shooter-simulator-vr-810x449

L’allenamento fornito da EDGE permette di impersonare: insegnanti, tiratori (sia adulti che ragazzi) o un ufficiale delle forze dell’ordine, in modo di avere una visione a 360° della situazione. Durante l’esercitazione, vengono fornite indicazioni utili alla sopravvivenza, come ad esempio il metodo per costruire barricate o per bloccare porte. Sato ha dichiarato:

È necessario per tutte le scuole, io credo sia necessario. Viviamo in un periodo in cui esercitazioni per le sparatorie dovrebbero essere all’ordine del giorno. Si tratta di un argomento difficile su cui discutere, ed è un argomento difficile da trattare nella comunità, ma è assolutamente necessario. 

Il centro di addestramento, situato nell’università della Florida centrale in Orlando, può contenere fino a 60 persone (anche in remoto). La versione insegnante di EDGE sarà rilasciata in primavera.  

A proposito dell'autore

Luca

Giocatore accanito dai tempi della PlayStation 1 con titoli come MediEvil, Spyro e Metal Slug, segue questa passione fino ai giorni nostri, spaziando tra vari generi. Troviamo tra i suoi titoli preferiti la saga di Kingdom Hearts, Metal Gear Rising: Revengeance, Life is Strange e Pokémon. Si affaccia anche al mondo online competitivo con Super Smash Bros. e Overwatch. Vede la realtà virtuale come un’espansione del gaming su orizzonti mai esplorati fino ad ora; un metodo diverso di vivere i videogiochi.

Post correlati