I PC VR-Ready sono ormai divenuti una norma nel mercato. Nel corso degli anni abbiamo avuto modo di osservare di tutto, spaziando dagli Oculus Ready fino agli zaini-notebook di HP. La soluzione presentata da Intel durante l’edizione annuale del CES, però, non è altro che la nuova versione di un dispositivo già noto, il NUC, che in questa forma sarà ancor più contenuto e, guardando le specifiche tecniche, straordinariamente prestante. Dopotutto, Intel è arrivata a collaborare con AMD per integrare delle schede grafiche in grado di reggere le ultime uscite dedicate ad Oculus Rift, HTC Vive ed altri visori. Quindi, di cosa stiamo parlando? Il Mini PC, visibile anche nelle immagini sottostanti, verrà distribuito con un Intel Core i7-8809G di ottava generazione ed una Radeon RX Vega M GH. Oltre a queste novità, Intel ha anche rincarato la dose con le informazioni tecniche sul Mini PC, che in questa versione diventerà il sistema VR-Ready più piccolo di sempre, e non solo.

Secondo le dichiarazioni della compagnia, il NUC potrà girare la maggior parte delle avventure in VR ad una media di circa 90 fps, mantenendo però quella portabilità che altri PC, ovviamente, non hanno. Oltre a ciò, Intel ha anche svelato che le nuove versioni del suo NUC riusciranno a gestire la realtà mista di Microsoft, donando agli appassionati un dispositivo unico per apprezzare al meglio tutte le novità in termini tecnologici. Fortunatamente, il NUC è anche attrezzato dal punto di vista delle porte. Grazie ad un paio di Thunderbolt 3, cinque USB 3.0, due USB 2.0, una USB Type-C, due porte Ethernet ed un lettore di schede SD, le nuove versioni del NUC promettono di essere anche compatibili con un vasto numero di configurazioni. Ora che abbiamo in mente le specifiche tecniche del Mini PC, mancano soltanto due dati: la distribuzione ed il prezzo! La versione dedicata alla VR, il NUC8i7HVK, uscirà questa primavera ad un costo di base da circa 999 dollari; variabile a seconda della configurazione scelta. I dubbi rimangono sulle reali capacità del PC, eppure i presupposti hanno descritto un dispositivo semplicemente fenomenale per gli appassionati della realtà virtuale. E voi, vi farete conquistare dal nuovo prodotto di IntelLet us know!

A proposito dell'autore

Valerio

Un bradipo nato sotto le costellazioni di Sony e Nintendo, è con quel dispositivo divino noto come il Game Boy Color che ha cominciato a sognare una realtà virtuale nella quale lanciare la propria Sfera Poké. Con la maturità di una persona ormai consapevole cerca di raggiungere ogni sogno prefissato, piccolo o grande che sia, mantenendo però quella fanciullezza di un tempo.

Post correlati

  • Ombra Alberto

    preferisco le cose massicce.. in cui posso infilarmici anima e corpo e lavorare con martello e scalpello. haha
    C’e più gusto.. e risparmi.

    • Valerio Kohler

      Ovviamente si risparmia a costruire autonomamente un PC, sì, ma riesco anche a vedere un mercato nel quale il NUC potrebbe fiorire con tranquillità. Dopotutto, ci stanno dei possessori che vorrebbero un dispositivo a parte per giocare in VR, ed un Mini PC credo sia la scelta migliore da questo punto di vista! ^^