PlayerUnknown’s Battlegrounds è sicuramente il gioco del 2017, ed è stato accolto da un’autorevole testata come Polygon con un controverso 10/10. Che vi piaccia o no, non si può negare l’impatto di questo titolo sul mondo del gaming. Per chi non avesse dimestichezza con l’argomento di questo post, si tratta di un cosiddetto “battle royale”, dove un centinaio di giocatori vengono paracadutati su un’isola e chiamati a sopravvivere e farsi fuori a vicenda. Una formula semplice ma efficace, che ha conquistato milioni di gamer in tutto il mondo. Vi siete mai chiesti che resa avrebbe questo gioco in realtà virtuale?

Be’, qualcuno non solo ci ha pensato, ma l’ha anche realizzato. Si chiama, in maniera piuttosto didascalica, Virtual Battlegrounds, ed è PUBG in VR. Semplice e conciso. Il gioco, realizzato dal team Oneiric capitanato da Sean Pinnick, ripensa la formula battle royale per la VR, e infatti adotta dei compromessi, su tutti il numero di giocatori che, almeno per il momento, è limitato a 16 partecipanti. Naturalmente gli sviluppatori devono aggirare anche il problema della motion sickness e allo stesso tempo offrire un sistema di movimento agevole, motivo per cui hanno mutuato la soluzione dello sparatutto tattico VR Onward, dando la possibilità al giocatore di decidere in che direzione proseguire grazie al movimento della mano che impugna i motion controller, oltre a permettere, per esempio, di mettersi in copertura semplicemente mimando il gesto. Gli sviluppatori garantiscono comunque che offriranno diversi sistemi di locomozione, allo scopo di permettere a tutti di trovare la soluzione più comoda per loro. Gli sviluppatori inoltre hanno enfatizzato la possibilità di muoversi a bordo di veicoli, che come sappiamo è sempre la soluzione più comoda in VR a livello di usability.

virtual_battlegrounds

L’idea di giocare un battle royale in VR sembra essere il sogno di ogni appassionato di questo nuovo genere. Rimane da vedere tuttavia come un gioco così frenetico performerà in realtà virtuale. Nel frattempo, uno sfidante si profila all’orizzonte: Stand Out VR, che riprende lo stsso concept di Virtual Battlegrounds. Gli sviluppatori, tuttavia, non sembrano avere alcun timore al riguardo. Il gioco è destinato a Oculus Rift e HTC Vive.

A proposito dell'autore

Guglielmo De Gregori
Editor ­in­ Chief

Dopo aver visto ogni fotogramma di Ghost in the Shell e Blade Runner, la sua vita non è stata più la stessa. Crede nel transumanesimo, aspetta ogni giorno l’arrivo della singolarità e il momento in cui potrà sostituire il suo corpo con una controparte sintetica. Nel frattempo, inganna l’attesa con la fantascienza, i videogiochi e, naturalmente, la realtà virtuale.

Post correlati

  • Super Game-guru

    Più che PUBG, mediocri cloni in VR.