Una delle questioni più calde e delicate oggi nella Game Industry è la necessità di introdurre una maggiore diversità di genere; si tratta del classico “elefante nella stanza” che non può più essere ignorato. Gamerome non si tira indietro e oltre ai talk e alle conferenze tecniche e business in programma, si pone come occasione per discutere il tema dell’inclusione delle donne all’interno dell’Industria. Proprio per questo, Gamerome ha scelto tra i partner Women in Games, l’organizzazione non profit che promuove la presenza di donne nell’industria e la loro rappresentanza all’interno dei PC, mobile, online games e degli eSports. Tra i relatori dell’evento sarà presente anche David W. Smith, fondatore di Interactive Selection & Women in Games – WIGJ.

Gamerome

Due momenti in particolare saranno dedicati a questo importante argomento:

  • Venerdì 24 novembre a partire dalle ore 18:00 Gamerome ospiterà un Happy Hour, sponsorizzato da WIGJ, in occasione del quale avrà luogo il primo Meet Up ufficiale di Women in Games Italia. Il cocktail sarà un’occasione per discutere con i decision makers del settore ed è aperto alla partecipazione delle donne dell’industria. Tutte le donne che parteciperanno a Gamerome, come Speaker, Developers, Studentesse o spettatrici, sono invitate a prendere parte al Meet Up. L’Happy Hour sarà un’occasione per promuovere la diversità e sarà aperto anche ai titolari di biglietti Speakers, Business e VIP e ai proprietari degli special indie packages.
  • Sabato 25 novembre Gamerome ospiterà un panel sul tema della Diversità, che vedrà la partecipazione di David W. Smith (fondatore WIGJ), Micaela Romanini (Event Director di Gamerome e Vice Direttrice di Fondazione VIGAMUS), Debora Mensah-Bonsu (Head of Content Marketing, Space Ape Games) ed Eleonora Lucheroni (PR & Marketing Manager, Storm in a Teacup). L’incontro sarà moderato da Fjona Cakalli, volto del noto portale Games Princess.

Inoltre, Marie Claire Isaaman, CEO di Women in Games, sull’argomento ha rivelato:

Women in Games WIGJ è la più grande rete professionale in Europa. È pienamente impegnata a lavorare con i partner europei ed è lieta di sostenere uno dei primi incontri per le donne in Italia. È di vitale importanza che le donne che lavorano nell’industria del gioco siano pienamente sostenute attraverso iniziative come questa, dove hanno l’opportunità di collegarsi e di coinvolgersi a vicenda.

Ecco che Gamerome, per l’ennesima volta, tenta si mostrare al pubblico, mediante i suoi eventi, l’importanza di alcuni temi delicati, tentando di informare la propria utenza.

A proposito dell'autore

Marco Mulinacci
Junior PR Manager

Appassionato di videogiochi sin dai tempi di Spyro e della sua prima PlayStation, da piccolo voleva vivere le avventure dei suoi personaggi preferiti: per lui la realtà virtuale è la realizzazione di un sogno. Amante di qualsiasi titolo sportivo, colleziona Fifa da quasi 20 anni in maniera maniacale. Piange come un vitello ogni volta che gioca il finale di Final Fantasy X.

Post correlati