Alien: Isolation è considerato, e lo sottoscrivo anche personalmente, il miglior videogioco estrapolato dalla celebre opera cinematografica di Ridley Scott. Pur passando decenni, il terrore che incutono gli Xenomorfi, e non solo loro, è sempre molto forte, non divenendo mai obsoleto, anzi. Ora, pensate al titolo sviluppato da Creative Assembly, uscito nel 2014, bene, immaginatevi di immergervi completamente all’interno di quella cupa e insidiosa esperienza ludica. Come? Ovviamente con la Realtà Virtuale. Si, avete capito proprio bene. Grazie infatti a Nibre, è stata realizzata definitivamente (già in passato vi erano stati degli esperimenti alquanto onconcludenti, quale più quale meno) una mod performante al fine di far girare Alien: Isolation sopra gli headset VR più importanti al momento come l’HTC Vive e l’Oculus Rift; il tutto coadiuvato dal supporto efficace di SteamVR. Attraverso un filmato, posto sottostante, andiamo a capire realmente di cosa stiamo parlando:

Ok, si può comprendere serenamente come non stiamo parlando di un’opera rifinita in maniera certosina: è pur sempre un duro lavoro svolto su di un titolo ormai, per assurdo, datato visti gli standard elevati odierni della games industry ma comunque si lascia far godere, soprattutto dai fan accaniti del gioco e, in generale, della serie. Gestione dei tasti e menù alquanto grezzo non riescono ad elevarlo ma, se siete dei fan accaniti della Realtà Virtuale, non c’è cosa più bella di sperimentare un prodotto innovativo! Ecco, Alien: Isolation è al momento l’esperienza horror per antonomasia che la VR può offrire. Già, anche più di Resident Evil 7 su PlayStation VR.