Eccoci con un altro hands-on direttamente dalla Gamescom 2017, questa volta riguardo un team italiano, Sylphe Labs, sviluppatori operanti nel settore videoludico con giochi dedicati principalmente a PC e mobile, utilizzando Unity3D. Il titolo in questione è Steel Alive, portato in alpha appositamente per questo evento in cui gentilmente sono stata accolta da Filippo Vela che mi ha introdotta al gameplay e mi ha guidato in questa terrificante esperienza. Uso quest’aggettivo poiché si tratta proprio di un Horror in realtà virtuale che, come device, fa uso del GearVR. Ecco un breve video per spiegarvi di cosa sto parlando:

L’obiettivo di Steel Alive è riuscire ad uscire da quello che sembra un magazzino, cercando di risolvere gli enigmi posti di fronte. Ad esempio, raccogliere un tot numero di oggetti o aprire una porta con la chiave. Ad accompagnarci per tutta l’esperienza c’è un ragno misto ad un teschio spaventoso. Procedendo nella mappa la grafica non aiuta a comprendere la direzione in cui procedere, ma essendo un’alpha, non starei qui ad approfondire questo aspetto quanto più il fatto che bisogna sempre guardare a terra, sul pavimento, per trovare la freccia che ti indica la direzione. Spesso mi trovavo persa poiché, di natura, non mi viene da guardare continuamente a terra ma piuttosto davanti a me o intorno; penso che sarebbe più comodo avere indicazioni ad altezza dello sguardo. Nota per me estremamente negativa è il tipo di movimento scelto: mi sentivo alquanto disorientata quando per muovermi dovevo utilizzare il controller del GearVR cliccando e contemporaneamente, per girare ad esempio a destra e cambiare visuale, ruotare con tutto il corpo per potermi spostare. Dopo 5 minuti continuavo a girare su me stessa mentre provavo questo gioco, non credo sia comodo, nè mi permette di immergermi completamente dovendomi sempre girare fisicamente, concentrando il mio cervello nel voltarmi ed eseguire un’azione fisica invece che continuare ad essere trasportata dall’esperienza e dalla storia. Ecco un’immagine di come si presenta la scena di gioco:

Immagine

Per il resto, credo che si veda il fatto che si tratta di un’alpha, vorrei riprovare Steel Alive con maggiori aggiunte e completezza, anche perché nel mercato VR come ben sappiamo, sono tante le esperienze horror e per questo la competizione è alta. Aggiungo il fatto che mi ha fatto molto piacere sapere che fosse un team italiano, ed iniziare a vedere che questo settore si sta sempre più espandendo in tal senso non può essere altro che una gioia per tutti. Un piccolo consiglio che vorrei dare al team è il fatto di non spiegare il gioco mentre si sta giocando, penso che un’esperienza o un gioco debbano esprimersi da soli o magari solo con una breve introduzione iniziale per far capire più o meno di cosa si tratta; tutte le informazioni utili a muoversi e proseguire dovrebbero essere presenti in gioco e bastare per essere sufficientemente esplicative e chiare al giocatore. Lo spiegare continuamente contribuisce soltanto a distogliere la persona dall’immersione, obiettivo principale della realtà virtuale, e dal viversi serenamente la storia percorrendo e scoprendo da soli quale sia la strada giusta o sbagliata. Ringrazio ancora Sylphe Labs per il meeting e vi consiglio comunque di provare il gioco e capire se può essere adatto a voi. Da VRGamer, in diretta dalla Gamescom.

A proposito dell'autore

Alessia

Appassionata videogiocatrice dai tempi della PS1 con Crash Bandicoot, Medievil e Tekken, segue questo fantastico mondo fino ai giorni nostri spaziando tra vari generi: troviamo tra i suoi titoli preferiti la saga di Metal Gear, Heavy Rain, Fallout3 e Gears of War. Si affaccia anche al mondo online competitivo con League of Legends e Overwatch. Vede la realtà virtuale come una fantastica occasione per vivere e creare esperienze totalmente nuove e magari combattere al fianco degli eroi che ha sempre amato.

Post correlati