La serie di Gran Turismo negli anni si è fatta riconoscere per la cura dimostrata dagli sviluppatori nel riprodurre in termini verosimili la guida automobilistica e nell’offrire un livello grafico che, specialmente nei primi tempi, ha segnato un vero e proprio stato dell’arte del genere. Gli appassionati di realtà virtuale hanno atteso con ansia notizie sulla prima esperienza VR collegata a questa celebre saga, tuttavia, le scelte di Polyphony Digital si sono dimostrate decisamente limitate in questo settore. Com’è stato annunciato durante il periodo dell’E3 di Los Angeles, Gran Turismo Sport VR, non supporterà integralmente la realtà virtuale, bensì offrirà solo la possibilità di affrontare gare uno contro uno. Il titolo, in esclusiva per il PlayStation VR, si presenta comunque come un’addizione decisamente interessante alla softeca del visore di Sony Interactive Entertainment. Proprio la compagnia giapponese, oggi, è tornata a puntare i riflettori sulla componente virtuale di Gran Turismo Sport, rilasciando un trailer dedicato interamente al gioco con il PlayStation VR.

Si tratta della prima presentazione ufficiale dell’esperienza, la quale vede la partecipazione dei vincitori della GT Academy: Lucas Ordóñez, Jann Mardenborough, Ricardo Sanchez e Bryan Heitkotter. I piloti, accompagnati da altri colleghi professionisti, hanno voluto raccontare quelle che sono state le loro sensazioni durante le partite giocate indossando il visore. Il trailer ha mostrato anche una serie di spezzoni dedicati al semplice gameplay che, per quello che si è potuto vedere, hanno svelato alcune peculiarità piuttosto interessanti. Sul piatto della bilancia del mercato, dunque, vanno posti sia il livello qualitativo espresso dal titolo e l’ampia scelta di vetture con le quali sarà possibile gareggiare, sia le evidenti limitazioni della componente VR, le quali hanno fatto storcere il naso anche al creatore dell’intera serie: Kazunori Yamauchi. Vale la pensa ricordare, infine, che Gran Turismo Sport verrà rilasciato in esclusiva per PlayStation 4 il prossimo 17 ottobre. Il pubblico, e conseguentemente il successo del titolo sul mercato, sarà il vero giudice di questa nuova proposta che, tuttavia, non sembra essere la fantomatica killer app che possa far decollare i dati della realtà virtuale.

A proposito dell'autore

Enrico Nardacci
Staff Writer

Appassionato di videogiochi fin da tempi non sospetti, inizia il suo percorso con Doom II continuando ad appassionarsi a generi sempre differenti, passando dai picchiaduro fino alle avventure grafiche. La sua attenzione si focalizza in modo particolare sulle storie, sulle loro implicazioni, sul modo di narrarle e soprattutto sul peso delle decisioni che si possono prendere al loro interno. Ora che la realtà virtuale gli permette di immergersi completamente in questo mondo, vuole capire quanto sia profonda la tana del Bianconiglio.

Post correlati

  • ITALI-LORI-MONTI

    soni deve lanciare al più presto una ps5 più compatibile alla VR e cambiare sistema di tracciatura se vuole creare giochi di alto livello in VR…
    non capisco poi il perché nel video si vedono più di una vettura in gara quando non possono essere più di 2…credo che la modalità on-line potrà essere uno contro uno,mente alcune gare giocabili in VR con piloti comandati dall’IA (off-line) Potrà essere con più partecipanti….
    fatto sta che non lo prendo fino a quando non lo trovero usato a 20 euro max..
    la modalità rally graficamente mi sembra peggiore del splendido dirt rally…
    e la modalità on-line è peggiore dell’ottimo driver club anche se GTS graficamente migliore…
    il prossimo che sento criticare driver club…lo mando a farsi benedire!
    a pensare che la sony li ha cacciati i produttori di quel fantastico gioco ! alla fine loro erano riusciti a convertire QUASI tutto il gioco in VR!!!!avevano fatto un miracolo!
    la VR richiede più potenza e URGE UNA PS5!!!

    • mmorselli

      Costerebbe troppo. Microsoft è stata fortemente criticata per il prezzo di lancio di Xbox One X, e costa 499$, cifra con la quale offri ben poco di serio in VR. Chi compra le console accetta di pagare 69 euro un gioco, ma vuole spendere il meno possibile per l’hardware. Le console offriranno la VR di qualità prima o poi, ma dubito accada entro i prossimi 5 anni.

      • ITALI-LORI-MONTI

        alcuni miglioramenti la ps4 pro già li ha dati per la VR..
        in ogni caso una ps più potente esce a priori….come ogni 5/6 anni…
        basta la facciano uscire al più presto ….credo che già il prossimo anno ne sentiremo parlare ,almeno spero….