Nella storia degli Early Access, spesso macchiata di insuccessi e delusioni, Star Citizen è probabilmente il progetto più ambizioso di sempre. Il suo sviluppo però, per quanto assiduo, continua a presentare ritardi, imprevisti e promesse rimandate anche a causa della sua filosofia di sviluppo estremamente aperta e tendente a creare tutto ciò che la community desidera. Dal suo Kickstarter nel 2012 conclusosi con circa 2 milioni di dollari, il team, ad oggi, ha raggiunto l’assurda cifra di 156 milioni di dollari, praticamente il budget di un tripla A. Malgrado questo però, la data di rilascio è sempre più avvolta dalla nebbia, e ad oggi è difficile prevedere come progredirà il mastodontico progetto sci-fi. Tra le promesse fatte però, vi era anche l’integrazione della VR nel gioco, ma fino ad oggi non si è mai saputo molto al riguardo, malgrado sia passato quasi un anno dal rilascio del Rift e del Vive. Le ultime dichiarazioni non hanno portato nulla di incoraggiante, ma in un recente video, gli sviluppatori dimostrano di avere tutte le intenzioni di pensare al gioco, soprattutto nelle interfacce, con la VR in mente.

Nel video viene mostrato il modo in cui intendono sviluppare l’UI del gioco utilizzando il mobiGlas, una sorta di interfaccia diegetica fissata sul braccio del giocatore, non sulla sua telecamera. L’idea è stata progettata proprio per l’integrazione con la VR, così da essere sicuri che quando si riuscirà a lavorarci accuratamente, il gioco sia già pronto ad accogliere gli utenti virtuali. Il vantaggio di questo sistema è che è perfettamente utilizzabile sia attraverso i controlli classici che i motion controller: l’utilizzo di interfacce diegetiche, infatti, si è rivelato essere una scelta vincente nelle applicazioni VR, favorendo l’immersività e sfruttando al meglio la libertà dei motion controller. Ovviamente questo è solo un piccolo progresso, molto altro lavoro deve essere fatto per rendere un gioco vasto e complesso come Star Citizen adatto alla VR.

A proposito dell'autore

Tutti i videogiocatori, fin dalla più tenera età, hanno sognato di poter entrare dentro al videogioco: lui non è diverso. Perchè limitarsi al controller, mouse e tastiera? Da quando la realtà virtuale sta prendendo piede, ha deciso che vuol prendere a pugni i nemici virtuali con le sue stesse mani.

Post correlati

  • mmorselli

    Bello, ma ancora non riesco ad essere attratto da un gioco che chiede 18.300 Dollari per avere tutte le navi del gioco. Mi rendo conto che fa parte della strategia per supportare lo sviluppo dell’Alpha, ma non vorrei che questo sviluppo fosse tenuto lungo in modo un po’ artificioso proprio perché rende parecchio. Ciò nonostante se fossi certo al 100% che la VR verrà implementata almeno uno starter package per supportarli lo prenderei.