Come molti di voi già sapranno, non molto tempo fa Oculus ha colpito il mercato senza scrupoli portando in bundle Oculus Rift e Touch Controller al prezzo di $399 in vista della loro promozione estiva, il Summer of Rift. Si tratta di un prezzo competitivo come non mai se si pensa che il PS VR si aggira alla stessa cifra, ma non offre tutto quello che invece può offrire l’Oculus Rift. E il tutto sembra ancora più interessante quando si fa il confronto col suo major competitor, l’HTC Vive, che invece ancora vola alto, ponendosi sul mercato col prezzo di $799. A questa strategia va, ovviamente, affiancata quella che da sempre accompagna la compagnia, ovvero filtrare i contenuti per garantire che sulla loro piattaforma arrivi soltanto il meglio. L’obiettivo è quello di espandere il bacino d’utenza al punto che il visore possa diffondersi anche al di fuori della cerchia di appassionati della realtà virtuale.

b9f2eeec0de3bcda83c87a747c6b36fe_extra_large

Secondo Jason Rubin, Oculus e la VR in generale, entro il prossimo anno, entrerà in quella che lui ha definito come fase due.

Al riguardo, Jason Rubin si è espresso:

La gente online e in generale sta iniziando a dire cose positive che non erano mai state dette prima negli ultimi 90 giorni. Ora possiamo espanderci verso un pubblico più ampio che non rientra tra gli early adopters e potrebbero non cogliere le sfumature. Siamo molto soddisfatti dei contenuti che abbiamo rilasciato e delle molte cose che stanno per arrivare. Stiamo per entrare in un periodo nel quale la VR passerà alla fase due. La strategia dell’investire nei contenuti sta portando i suoi frutti. Se leggete cose dice la community negli ultimi 90 giorni, vi accorgerete che per loro prezzo, contenuti e qualità sono cose che hanno una notevole importanza, ed è ciò che abbiamo sempre pensato anche noi.

Qualsiasi cosa intenda Rubin con fase due, non è ancora chiaro al momento, ma lascia intendere che l’azienda è fiduciosa che da questo momento in poi le cose potrebbero cambiare in modo radicale, e che la VR potrebbe fare i suoi primi passi verso il mercato di massa.