Il Viveport Subscription, per chi non lo sapesse, è un’offerta messa a disposizione da HTC da ormai quasi due mesi per poter accedere ad una libreria di giochi e applicazioni in VR da poter usare con il nostro Vive. Ogni mese, se si decide di pagare la sottoscrizione, è possibile selezionare fino a cinque applicazioni presenti nella lista, e una volta scaduto il mese, selezionarne di nuovi. Se un titolo ci è piaciuto particolarmente, possiamo decidere di riselezionarlo senza problemi e prendere altre quattro applicazioni VR. Per chi divora i giochi in realtà virtuale, l’offerta è sicuramente molto vantaggiosa, ma fino a qualche momento fa non offriva moltissima roba, ed era concentrato principalmente su esperienze sperimentali. Adesso però, HTC ha deciso di raddoppiare l’offerta gaming, passando da 75 applicazioni totali a 150, e fra le novità possiamo trovare titoli anche parecchio interessanti, tra le migliori rilasciate nel corso di quest’anno, come ad esempio il celebre boxing simulator Knockout League della Grab Games, lo sparatutto ROM: Extraction della First Contact e la suggestiva avventura Windlands della Psytec Games.

knockout-league-2

Tra i titoli offerto possiamo trovare anche l’apprezzato Knockout League.

Inoltre, fra le varie aggiunte, potremo goderci anche alcune esperienze disponibili, precedentemente, solo in Asia e non presenti su Steam. L’offerta, come scritto precedentemente, è decisamente vantaggiosa: al costo di $6.99 al mese, potremo scegliere cinque giochi da rinnovare ogni mese il cui costo totale supera di gran lunga il prezzo della sottoscrizione. Considerando che il prezzo medio per dei buoni prodotti VR si aggira sui 20 e il 30 dollari, significa che anche solo sceglierne uno al mese ci fa già rientrare la spesa. Per chi ancora non fosse convinto dalla mia raffinatissima matematica, HTC aggiunge un primo mese di prova gratuita in cui valgono le stesse regole citate fino ad ora. Decisamente qualcosa da tenere in considerazione per tutti i giocatori VR più accaniti.

A proposito dell'autore

Tutti i videogiocatori, fin dalla più tenera età, hanno sognato di poter entrare dentro al videogioco: lui non è diverso. Perchè limitarsi al controller, mouse e tastiera? Da quando la realtà virtuale sta prendendo piede, ha deciso che vuol prendere a pugni i nemici virtuali con le sue stesse mani.

Post correlati

  • Ombra Alberto

    nah niente titoli a tempo per me.. è una cosa che trovo odiosa.

    • level-up

      bha, attualmente ti do ragione, ma in un futuro dove ci saranno titoli tripla A da 60 e passa euro, poterli provare prima di acquistarli a 6€ non è una cattiva idea….

      • Ombra Alberto

        Se è una questione di prova è un altro discorso.. però anche in questo caso sono abituato a demo gratuiti (quando ci sono). Poi posso anche avere una visione distorta.

        • level-up

          Non vedo demo gratuite dai tempo della PS1, demo che uscivano insieme ai magazine di videogiochi nelle edicole…