Sony Interactive Entertainment ha lanciato il suo visore, il PlayStation VR, per la sua PlayStation 4 nell’ottobre del 2016. Nella giornata odierna, la compagnia ha fatto sapere che il dispositivo in questione ha raggiunto il milione di copie vendute in tutto il mondo. Il risultato raggiunto dall’headset, tuttavia, non è stato celebrato e definito un successo, bensì Sony lo ha apostrofato come un Good Start: un buon inizio. Come l’azienda tende a fare regolarmente, oggi, ha reso noti i risultati di vendita di tutto il suo hardware, riferendo che la console principale della compagnia, la PlayStation 4, ha raggiunto 60 milioni di copie vendute dal lancio. A partire dal mese di novembre, inoltre, il 20% degli acquirenti PlayStation ha scelto di regalarsi la nuova PS4 Pro. I dati del PSVR risultano essere ancora più incredibili qualora vengano paragonati a quelli dei rivali: nonostante non siano state distribuite delle classifiche di vendita ufficiali, delle stime risalenti a febbraio volevano i due competitor diretti, Oculus Rift e HTC Vive, rispettivamente a  243 mila e 420 mila copie ciascuno.

Bisogna chiedersi se il PlayStation VR riuscirà a reggere botta dopo questo promettente inizio.

Bisogna chiedersi se il PlayStation VR riuscirà a reggere botta dopo questo promettente inizio.

Jim Ryan, direttore delle Global Sales nonché capo del settore marketing di PlayStation, si è detto particolarmente intrigato dal risultato raggiunto dal visore, affermando che non si può descrivere la vendita di un milione di dispositivi come un successo di massa e che sarebbe più adeguato definirlo come un buon inizio. Va certamente considerato che, stando ai risultati comunicati oggi, con oltre 60 milioni di piattaforme vendute, il singolo milione del PlayStation VR si pone in un’ottica completamente differente. Consolidato l’avvio del prodotto sul mercato, l’attenzione di Sony e, soprattutto, quella degli appassionati, si rivolge al prossimo E3 di Los Angeles, dove la compagnia potrebbe sorprendere la community con qualche annuncio legato alla VR. Con Microsoft e Google in prima linea in questa nuova rivoluzione VR e senza dimenticare i rivali storici, come Oculus e HTC, Sony sarà costretta a rispondere colpo su colpo a ogni iniziativa della concorrenza. Attendendo con curiosità l’evento principale dell’anno, non ci resta che goderci i risultati di quello che si appresta a essere l’anno di sviluppo e consolidamento della realtà virtuale, specialmente in ambito gaming.