Gli ultimi eventi hanno portato un paio di sorprese per quanto riguarda il mondo della mobile VR: non solo è stato annunciato un nuovo visore firmato Oculus e Samsung fornito di un nuovo controller, ma sono state fatte anticipazioni anche dal lato software. Recentemente, si era venuto a sapere di una nuova versione di Home in grado di supportare display con una risoluzione due volte maggiore della versione vecchia, grazie ai segretucci del vecchio zio Carmack. Durante il React Europe, l’ingegnere Mike Armstrong ha parlato di React VR, un framework che promette di portare miglioramenti non indifferenti per il nostro Home. Questa nuova versione, infatti, è interamente costruita intorno ad esso, offrendo benefici non solo al prodotto finale ma anche al team di sviluppo, che si ritrova con una struttura più semplice da gestire.

React VR permetterà non solo di rendere Oculus Home più veloce, ma di risparmiare anche il 30% in più di energia.

React VR permetterà non solo di rendere Oculus Home più veloce, ma di risparmiare anche il 30% in più di energia.

React VR ed è in grado di aumentare la velocità della nuova versione di Home, rispetto a quella attuale, del triplo, e di risparmiare il 30% in più di energia, cosa che renderà la batteria del nostro cellulare una batteria felice. Uno degli aspetti più interessanti di questo framework è che non è stato pensato solo ed esclusivamente per la piattaforma Oculus, ma può essere utilizzata da qualsiasi altro tipo di visore, anche quelli operanti attraverso sistemi operativi e PC. Tale strumento si potrebbe rivelare particolarmente popolare tra gli sviluppatori che operano attraverso WebVR, che sta diventando sempre più popolare grazie ad un supporto sempre più importante da parte di browser quali Google’s Chrome. Attualmente non abbiamo altre notizie riguardanti il rilascio o le milestone raggiunte durante il suo sviluppo, ma è probabile che ne sentiremo ancora parlare nei prossimi eventi dedicati alla VR.

A proposito dell'autore

Tutti i videogiocatori, fin dalla più tenera età, hanno sognato di poter entrare dentro al videogioco: lui non è diverso. Perchè limitarsi al controller, mouse e tastiera? Da quando la realtà virtuale sta prendendo piede, ha deciso che vuol prendere a pugni i nemici virtuali con le sue stesse mani.

Post correlati