Nessun telefono, nessun PC, Standalone VR: queste sono state le tre colossali e perentorie affermazioni che hanno chiuso la conferenza Google I/O, le quali hanno confermato i rumor che erano già trapelati nei giorni scorsi. Tale è, infatti, la tagline che accompagna la misteriosa immagine di un nuovo headset VR che è stata svelata direttamente dalla compagnia che ha già realizzato il Vive: stiamo parlando ovviamente di HTC. Durante il Google I/O, il vicepresidente del settore VR di Google, Clay Bavor, ha annunciato che la sua società, il vero e proprio colosso della Silicon Valley, collaborerà con una miriade di produttori di apparecchiature originali (OEM), uno dei quali sarà proprio HTC, per realizzare una linea di headset VR standalone. Nonostante i dettagli rilasciati sul nuovo prodotto non siano moltissimi, è stato reso noto che il nuovo visore sfrutterà una nuova tecnologia per il tracciamento della posizione inside-out, chiamata Worldsense. Il nuovo sistema combinerà l’apprendimento automatico di Google, la visione artificiale e la ricerca SLAM per ottenere una nuova forma di tracking che utilizza dei punti di riferimento accuratamente sintonizzati per determinare la posizione della persona nello spazio tridimensionale.

Inoltre, il reference design del progetto è stato realizzato in collaborazione con Qualcomm e consentirà all’utente di piegarsi, schivare e tuffarsi. Come alcuni di voi avranno notato, la parola camminare è assente dalla lista delle azioni, infatti, quello che resta da capire è se la tecnologia Worldsense sarà in grado di fornire anche esperienze VR in room-scale. Il dubbio è stato comunque parzialmente chiarito dallo stesso Bavor, il quale ha confermato che la nuova tecnologia utilizzerà dei controller con 3 gradi di libertà (3DOF), i quali verranno probabilmente adottati anche dal nuovo headset di HTC. La portata della notizia, comunque, è sicuramente di quelle che faranno parlare molto a lungo gli addetti ai lavori, ma non solo. Si profila un prossimo futuro nel quale avremo i tre più grandi colossi del settore gaming e tecnologico che si prepareranno ad una sfida senza quartiere sul mercato delle tecnologie immersive. Da una parte abbiamo il grande binomio social di Oculus e Facebook, dall’altra la neonata partnership tra Google e HTC, senza però dimenticare Microsoft e il suo progetto HoloLens che sicuramente vorrà dare battaglia alle altre due superpotenze.