Questa settimana, Microsoft, ha rivelato importanti dettagli circa i suoi prossimi progetti: uno di questi è Microsoft Fluent Design System che mira a legare insieme tutte le diverse piattaforme, applicazioni, prodotti, servizi e dispositivi dell’azienda. Tutto questo dovrebbe rappresentare un’evoluzione dell’interfaccia e gestione di essa, presente in Windows 10.

Il nostro obiettivo, è aiutare gli sviluppatori a creare applicazioni ed esperienze più interessanti e che operino su una vasta gamma di dispositivi, in vista dell’ampliamento della realtà virtuale ed aumentata.

Queste le parole della società a fronte del proprio annuncio, affermando anche che Microsoft Fluent Design System si baserà su ben cinque elementi fondamentali quali Luce, che guiderà l’attenzione e l’esperienza dell’utente, Profondità, che aiuterà a capire come si collegano gli elementi tra di loro, Movimento, che mostrerà il contesto in cui sono inseriti, Materiale, per una fisicità e struttura solida, Scala, comprendente di 2D e 3D. Ecco inoltre un video esplicativo presentato dall’azienda stessa:

Non si ha al momento una data precisa di rilascio, ma quel che è certo è che sarà un lungo viaggio che richiederà un grosso impegno lavorativo ed economico per Microsoft, che ha affermato di puntare molto sul progetto e di voler dare spazio alle nuove tecnologie in uscita e sicuramente alla realtà virtuale ed aumentata. Si può dire che tutte le compagnie che lavorano in questo settore, al momento, stanno cercando di spingere verso questa direzione inserendo sempre più interazioni con la VR per far sì che diventi parte del nostro abitudinario (e noi saremo certo ben contenti se accadesse!) ma al momento non ci resta che aspettare e sperare che invece non sia soltanto un altro Vista o Windows ME.