Quanto piacerebbe ad un fan qualsiasi della saga di Star Trek comandare al signor Sulu di ingrandire un oggetto non riconosciuto sullo schermo? Oppure di chiedere al tenente Uhura di contattare un’unità in avvicinamento alla nave stellare USS Enterprise? Di sicuro tantissimo, e tra non molto tutti questi fan potranno vedere i propri sogni diventare realtà. Infatti, Star Trek: Bridge Crew potrà essere giocato anche attraverso i comandi vocali, il che significa che sarà finalmente possibile comunicare a voce con gli altri personaggi. Tutto ciò è stato annunciato oggi,  Ubisoft sta collaborando con la piattaforma IBM Watson per concedere ai giocatori di distribuire i comandi al proprio equipaggio, seppur con un pochino di ritardo rispetto la release del gioco in realtà virtuale. Gli sviluppatori stanno sfruttando il nuovo kit di sviluppo della IBM, software che è stato reso disponibile anche per altri studi di produzione. L’uscita di Star Trek: Bridge Crew è ormai molto vicina, essendo prevista il 30 maggio per Oculus Rift, HTC Vive e PSVR, e durante l’estate il colosso francese sarà anche pronto ad aggiungere il supporto in beta di un Sandbox vocale, targato IBM.

James_T._Kirk_on_the_Bridge_as_Captain

“Signor Sulu, velocità di curvatura”

La piattaforma IBM combina il kit di sviluppo Watson con la tecnologia Speech to Text and Conversation, permettendo al giocatore di indirizzare ordini ai propri compagni di viaggio virtuali gestiti da un’intelligenza artificiale. Immaginate di poter dire preparare i missili oppure lanciare un attacco e vedere un componente della vostra crew ascoltarvi e rispondere al comando, sarebbe veramente molto divertente ed immersivo. Il supporto vocale verrà reso disponibile sia per le modalità singleplayer sia per quelle multiplayer, di conseguenza presto sarete in grado di comandare una moltitudine di dipendenti senza dover muovere un muscolo dalla sedia del comandante. Manca davvero molto poco al lancio del tanto atteso Star Trek: Bridge Crew e di conseguenza ne sentiremo parlare con molta frequenza in questo periodo; rimanete connessi con noi se non volete perdere una virgola delle prossime novità. Prima d’ora solo in Socom US Navy SEALs i comandi vocali vennero resi così importanti per il gameplay e questa innovazione permise al gioco di imporsi fortissimamente sul mercato, portando al pubblico una grandissima novità a livello di giocabilità. Pensate che anche qui si scaturirà lo stesso effetto? Il fatto che questa particolare funzione sia stata inserita in un gioco in realtà virtuale potrà veramente renderlo più immersivo? Oppure sarà utile solo per infastidire i propri coinquilini comandando l’avanti tutta al signor Sulu? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti.

A proposito dell'autore

Andrea

Entra a far parte del mondo dei videogiochi grazie alla mitica Playstation con uno dei giochi più belli di sempre: Hercules. Dopo aver raggiunto la tenera età di 23 anni decide di continuare a seguire le sue passioni ed entrare a far parte del mondo del gaming. Titoli preferiti: Uncharted, God of War e Metal Gear Solid. Cerca di tenersi al passo con i tempi concentrandosi sulla realtà virtuale.

Post correlati

  • Roberto Di Marco

    Socom per PS2…..tanti bei ricordi.

    Ma quindi mi sembra di capire che ci sará anche una modalitá offline?
    Perché il gioco mi interessa, ma non parlando decentemente l’inglese sono obbligato a scartarlo se solo online.

    A meno che qualcuno qui non abbia intenzione di prenderlo e cerchi compagni di viaggio.

  • ITALI-LORI-MONTI

    questo gico è molto interessante xchè finalmente uscirà qualcosa d diverso….
    anche se nn fa x me….vedrò prima un po’ d recensioni e commenti e valuterò..
    i comandi vocali sono solo in inglese come dice Roberto??

  • Andrea Tardioli

    Ci saranno sia versione online che offline. Purtroppo si, almeno per il primo periodo la lingua per i comandi vocali sarà inglese. :(

  • Ombra Alberto

    Spero che questo tipo di gioco avrà il cross platform.

    Ovviamente mi piacerebbe avesse anche la lingua italiana.
    Ma so’ che è una chimerà.
    Non so se avete visto i dati della diffusione della vr nei paesi europei.. L’italia non esiste proprio.. non rientra nelle percentuali haha. Tutti gli altri paesi europei hanno percentuali più consistenti di noi.

    • Roberto Di Marco

      Dove si trovano questi dati?
      Chissá su che base sono stati elaborati.

    • ITALI-LORI-MONTI

      può essere anche l’1%,a me importa solo che continuino a supportarla…e fino fine 2017 ,che io sappia, escono giochi…e l’E3 son convinto che annuncerà anche giochi x il 2018….
      vedremo ^.^