Grazie alla recente F8 di Facebook, Mark Zuckerberg assieme al suo immenso staff hanno annunciato una serie di novità che, come ormai spesso accade, rivoluzioneranno ancor di più la vita quotidiana della gente. Sebbene determinate notizie, come ad esempio Facebook Spaces, abbiano tenuto banco nelle ultime ore anche altre, pur non avendo gridato al miracolo, meritano decisamente di essere sottolineate. Facebook infatti, in concomitanza con la conferenza, ha rilasciato ufficialmente il React VR: un vero e proprio grande passo per il WebVR che permettere ai sviluppatori di creare esperienza per la Realtà Virtuale utilizzando unicamente JavaScript. Ciò significa che, tali applicazioni, potranno essere poste serenamente sul Web e di conseguenza saranno accessibili senza bisogno di alcun software esterno che le faccia funzionare. Immaginate ad esempio di digitare un indirizzo web sfruttando il vostro Oculus Rift, HTC Vive, Samsung Gear o Google Daydream e, in un batter d’occhio, vi ritroverete in un mondo virtuale.

React VR

Facebook, grazie al rilascio di React VR, agevolerà di molto lo sviluppo di applicazioni per il nascente fenomeno del WebVR!

È destinato ad essere semplice nell’utilizzo e con margini di sviluppo ancora immensi, e siamo solamente all’inizio. React VR non permetterà di costruire applicazioni VR complesse, bensì offrirà un’esperienza senza soluzione di continuità e, soprattutto, senza la necessità di scaricare dei dati o contenuti aggiuntivi. Probabilmente spopoleranno inizialmente i video a 360° ed esperienze di branding create con questo nuovo framework. Con il passare del tempo, tuttavia, potremo vedere delle nuove esperienze mirate all’intrattenimento pubblico, corredate, forse, anche da applicazioni social VR su cui Facebook già sta prontamente lavorando. Fortunatamente non solo Facebook è al lavoro costante per migliorare sempre più il WebVR, anche colossi come Google si stanno impegnando per abbattere una nuova frontiera che, se implementata bene, cambierà di molto l’associazione di Realtà Virtuale con Internet. Per ulteriori aggiornamenti in merito, e per non perdervi nessun’altra notizia legata all’evento F8, restate sintonizzati sulle pagine di VR Gamer.

A proposito dell'autore

Emanuele

Cresciuto a pane e videogiochi, Nucky nel corso degli anni riesce ad accomunare due delle sue più grandi passioni: il giornalismo ed l'amore spasmodico di tutto l'ambiente videoludico. Dopo anni ed anni di console e titoli visti e rivisti, la VR è riuscita nuovamente a far scattare la "scintilla" di curiosità mista amore proprio come accaduto per il primo Halo e per molti altri titoli.

Post correlati