In questi giorni Facebook sta tenendo delle conferenze con gli sviluppatori a San Joe, oggi è il secondo giorno e il discorso principale affrontato dal CTO Mike Schroepfer è stato riguardo il tema realtà virtuale con intervento di vari esperti delle aziende collaboratrici del colosso dei social. Egli ha iniziato semplicemente ricapitolando i progressi della squadra Oculus di Facebook, con aggiunta di alcuni progetti con Samsung. Ha chiuso la sua emozionante introduzione annunciando un nuovo tipo di dispositivo input per realtà virtuale che sia in grado di utilizzare addirittura impulsi provenienti direttamente dal cervello invece di un controller fisico.

brain-interfaces-vr-facebook-1-1000x471-n7bchnjtup67uvwjenhzk3e1rrl4qmiu33a7jqlmqu

Ecco come si presentava la conferenza riguardo il nuovo dispositivo di brain interface in VR

Schroepfer ha aggiunto che Oculus Touch è certamente uno straordinario pezzo di hardware, ma come potrebbero cambiare le nostre abitudini prendendo in considerazione la possibilità di vivere in un mondo in cui si possa interagire con la realtà virtuale utilizzando nient’altro se non la propria mente? Tutto ciò potrebbe rappresentare una svolta, forse quella finale, per la VR e a parlarne in modo più dettagliato hanno chiamato Regina Dugan capo del team di ricerca e sviluppo misterioso di Facebook che ha dichiarato di rilasciare ulteriori informazioni in futuro circa quella che potrebbe essere una scoperta veramente interessante e innovativa per questo settore.