Una delle difficoltà degli attuali PC è che questi debbano necessariamente essere potenti a sufficienza per sostenere la VR poiché, se alcune componenti non sono all’altezza, non ci sarà un buon funzionamento né di Oculus Rift né di HTC Vive. ASUS, che di performance delle sue apparecchiature se ne intende, ha una potenziale soluzione sotto forma di compact desktop. Il prodotto garantirà un’esperienza fluida e senza fastidiosi cali di frame rate, così da non rompere quel senso d’immersione che tanto appaga gli utenti. Il nome di questo componente è ASUS VivoPC X e può vantare un processore Intel Core i5, una NVIDIA GeForce GTX 1060 GPU e una RAM DDR4 che garantiscono le giuste prestazioni necessarie per reggere l’esperienza in realtà virtuale. Ovviamente l’attenzione non è rivolta solo ai videogame, ma anche ai film in 4K ed i video a 360 gradi.

ASUS 01

Ecco a voi ASUS VivoPC X.

ASUS VivoPC X, infatti, può sostenere video in 4K su schermi fino a risoluzione 3840 × 2160. La società sta lavorando con Oculus per fornire una sorta di pacchetto che comprende apparecchio, visore, controller touch e quatto titoli VRThe Unspoken, Superhot VR, Wilson’s Heart e VR Sports Challenge. Questo bundle sarà disponibile dal 25 aprile al 13 giugno a $1299 su Amazon. L’offerta non è assolutamente da sottovalutare, poiché l’apparecchio, preso singolarmente, verrebbe a costare circa $799. Crediamo fortemente che questo tipo di proposta sia assai competitiva sul mercato, in quanto gli interessati potranno ottenere, anche se con un esborso maggiore, tutto l’occorrente per godersi un’esperienza a 360 gradi per ciò che riguarda VR e gaming. Le notizie sulla vicenda per oggi finiscono qui, restate connessi con noi per non perdervi nessun’altra novità.

A proposito dell'autore

Patrizio

Patrizio è un profondo amante dei giochi di ruolo, sogna quindi di essere il protagonista di un'epica avventura in giro per qualche terra ricca di mostri e misteri. Crede nella realtà virtuale non solo legata all'ambito videoludico, ma anche in quello scientifico e medico. Per molti il lavoro di critico è semplice: si rischia poco ed è relativamente facile bocciare i vari prodotti. Adesso ci troviamo davanti ad un bivio dove, chiunque si trovi a svolgere questa professione, deve avere il coraggio di prendersi le proprie responsabilità, prediligendo il futuro che avanza senza la paura di dover necessariamente scontrarsi col passato.

Post correlati

  • federico rossi

    ma avrà prestazioni soddisfacenti? ad es con serious sam per il quale mi pare consiglino la gtx 1070