Sono parole dure, forti e molto dirette: eppure Roy Taylor, Corporate Vice Presidente di AMD, ha affermato al VR World Congress tutto il suo interesse per questo Fallout 4 VR, spiegando come questo titolo possa essere un nuovo punto di inizio, capace di cambiare il modo in cui viene vista e pensata la realtà virtuale. Non si è limitato a dire ciò, ma ha anche paragonato il titolo a giochi che hanno fatto la storia e rivoluzionato l’industria, come quelli di Mario e Sonic.

fallout-4-man-and-dog-1024x576

Fallout 4, quando è uscito nel 2015, si è subito mostrato per la sua vastità, creando un mondo di gioco libero, aperto e composto da personaggi ben caratterizzati. Ora immaginate tutto questo in un gioco VR: la stessa industria VR che non ha ricevuto, ad oggi, un titolo tripla A con le caratteristiche di Fallout 4. In effetti, un Fallout 4 VR ben gestito potrebbe dapprima aprire le porte ai titolo open-world in prima persona gestiti in realtà virtuale; poi, potrebbe persino stendere il tappeto rosso per un The Elder Scrolls esclusivamente VR: riuscite a pensarci? Speriamo che Roy Taylor abbia ragione: d’altronde mancano pochi mesi e all’E3 2017 potremo vedere dal vivo questo Fallout 4 VR, scoprendo se davvero il gioco di Bethesda rivoluzionerà il settore, oppure no.

A proposito dell'autore

Amante della saga di Metal Gear e del genere Fantasy e Sci-Fi, sogna di poter entrare, un giorno, in una realtà virtuale full immersive, un po' come in Sword Art Online... evitando magari il piccolo problema della morte in game.

Post correlati

  • ITALI-LORI-MONTI

    questo è un giocone, altro che Unearthing Mars

  • mmorselli

    loro liberi di dirlo, io libero di non crederci. la mancanza di periferiche adeguate pone la vr su un binario, loro hanno più soldi quindi il loro gioco sarà più grande e graficamente curato, ma non basta per fare un open world che funziona in vr, nessuno può farlo oggi. 10 a 1 che sarà il solito ambiente col teletrasporto con disagio incorporato in cui vorresti ma non puoi.

    • level-up

      se Fallout esce col teletrasporto, darà un colpo negativo alla VR.
      Gente totalmente ignorante in materia crederà che il teletrasporto è l’unica soluzione e non si avvicinerà mai più ad un articolo con scritto VR

      • mmorselli

        Il fatto è che al momento penso SIA l’unica soluzione, non riesco ad immaginare altro allo stato attuale, sperando sia un limite della mia fantasia.

        Stavo pensando ad un modo economico per fare delle pedane, tutte usano superfici molto lisce da usare o con scarpe speciali o con le calze, non credo che siano queste superfici a costare tanto, quanto il sistema di tracciamento… che potrebbe essere sostituito da due VIVE tracker agganciati alle caviglie, quindi un bel disco concavo molto liscio, due tracker e via camminare… magari una bretella agganciata al soffitto per evitare di cadere. Finirò per costruirmelo, lo so 😉

        • level-up

          su Onward va bene il movimento…basta prendere quello…

          • mmorselli

            Su Onward va benino solo perché è Onward, non puoi applicarlo su tutto. Il movimento di Onward è un normalissimo movimento con il pad, ma è molto lento ed è un gioco dove sei concentratissimo a scorgere un nemico in lontananza. Altri giochi come Serious Sam: first encounter usano un sistema simile ma l’effetto è più fastidioso, meno naturale, perché il gioco è più arcade. Non è ingiocabile, ma si capisce bene che qualcosa non torna, e in fondo neppure in Onward, diciamo che si sopporta, ma non dirmi che quella è immersione.

          • level-up

            Bhe…se cammini col fucile alto, vai più piano, più lo abbassi più corri, come nella realtà, non si riesce a correre e mirare contemporaneamente al massimo.
            Poi c’è anche lo scatto se premi il pad. Quindi credo che attualmente sia il migliore sul mercato…

            Ovvio ci sono le risate quando vedi un pg accovacciato sche scende le scale, ma vabbe

        • StateCalmi

          Esiste già si chiama Virtuix Omni ( http://www.virtuix.com/ ).
          E’ l’unico già in vendita e che ha l’imbragatura, l’arma, il dispositivo per agganciare i cavi in alto, le scarpine…
          E’ un po caro ma credo che se lo devi costruire da solo ti costa molto di più e quando avrai finito sarà già uscita la versione 2.0 di Virtuix Omni meno cara e più evoluta.

          • mmorselli

            Purtroppo non vende fuori dagli Stati Uniti, e al momento non vende nemmeno al pubblico, solo i backers (come riesce, lentamente) e i parchi tematici, su cui al momento si stanno concentrando i produttori di pedane VR (come la cyberith che sulla carta è migliore della virtuix)

            Inoltre questi progetti sono precedenti al VIVE Tracker, per questo pensavo che si potesse studiare qualcosa di meno ingombrante, basato su un principio simile (le superfici a basso attrito)

          • StateCalmi

            peccato che non vendano fuori dagli USA (sempre che sia davvero così) comunque esistono siti (imprese) che si occupano di spedirti tutto ciò che non può essere direttamente spedito da un paese all’altro, quindi il modo per averlo esiste comunque. Ripeto, il Virtuix Omni è una pedana a basso attrito.

          • mmorselli

            Per sapere se è davvero così ti basta leggere i loro canali d’informazione. Il problema per cui non spediscono fuori dagli USA è che è estremamente grossa e pesante per cui la spedizione costerebbe tantissimo, una cifra sproporzionata al valore dell’oggetto. Ovviamente rivolgersi ad un service alzerebbe ulteriormente questa cifra. Il problema non si pone per i grandi produttori che possono caricare migliaia di pezzi su grandi navi e consegnare ai distributori dei vari paesi, facendo economia di scala. Per questo puoi tranquillamente comprare una lavatrice prodotta in Corea, ma se te la fai spedire tu dalla Corea la spedizione costa molto più della lavatrice.

          • StateCalmi

            Dubito fortemente che Virtuix Omni rinunci a tutto il mercato mondiale che vede già quasi un milione di visori VR venduti a privati solo perché costerebbe troppo. per quanto riguarda l’Europa (al secondo posto come numero di visori VR venduti dopo USA), basterebbe spedire qualche container pieno di dispositivi e poi delegare ad Amazon europa il compito di distribuire il prodotto alle decine di migliaia di persone che lo vogliono comprare. E’ semplicissimo, si chiama richiesta-offerta di un qualsiasi prodotto. A me sembra che ti perdi in un bicchiere d’acqua. Tutti i prodotti per i quali c’è una richiesta possono essere trasportati e venduti. pensa che gli USA sono “larghi” circa 4200 km… quindi secondo te i dispositivi Vituix non vengono spediti in tutti gli USA perché le distanze sono troppo grandi? Ma dai, lascia perdere.

          • mmorselli

            Lino, mi ero scordato quando fossi divertente 😀

            Non ti sto riportando un mio parere, io sono innocente, è Virtuix che ha detto che non lo farà, non solo, ha rimborsato tutti i backers che avevano già versato i soldi su kickstarter, pagandogli pure gli interessi per il disturbo.

            Io sono tra quelli che l’avrebbe comprata, tu però sei incredibile, ti costava tanto andare a leggere? Fare una piccola ricerca con Google? Il mondo non è così flessibile da adattarsi al tuo pensiero, le cose non vanno solo immaginate, internet esiste anche per informarsi.

            Il problema che tu non consideri è che poco conta il numero di visori venduti, una pedana di quelle dimensioni è un oggetto molto particolare e non tutti hanno lo spazio per tenerlo in casa, anche ammesso che abbiano i soldi per comprarlo. Le “decine di migliaia di persone” sono solo nei tuoi sogni, su kickstarter ne hanno piazzate meno di 1000, e in tutto il mondo.

            Sulle spedizioni USA to USA, non importa se sono larghi 4200Km, è mercato interno, sono organizzati per fare economia di scala. E’ così ovunque, anche in Italia, se spedisci da Aosta a Lecce spendi pochissimo anche se sono 1200Km, ma da Aosta a Berna, che sono solo 200Km, spendi molto di più.

          • StateCalmi

            Cosa centrano le dimensioni? Da ogni parte del mondo ti spediscono anche oggetti più grandi. Non fare il buffone dandomi del divertente! E smetti di chiamarmi Lino, io sono StateCalmi. Non sapevo che avevano deciso di perdere il mercato mondiale, probabilmente ancora è troppo presto, ma arriverà il momento in cui distribuiranno anche qui. Secondo me se provi con uno di quei siti che ti spediscono cose esclusive dei mercati interni nazionali anche all’estero, con qualche centinaio di euro in più, ti arriva… se proprio lo vuoi puoi fare così. Inoltre non è che hai altre alternative, perché è l’unico dispositivo in vendita di questo tipo.

          • mmorselli

            Ti spediscono anche casa tua smontata a pezzi se vuoi, basta che paghi… e sta qui il punto, spedire una cassa di 1 metro di lato e 100Kg di peso dagli USA all’Italia con UPS costa 4.800$, servizio standard senza fretta.

            Non è l’unico dispositivo, c’è anche la Cyberith, che secondo me è migliore ed è prodotta in Austria, per cui molto più semplice ed economica da spedire, solo che hanno problemi economici al momento e non riescono a far partire la produzione di massa (nemmeno per chi ha già pagato!!!). Dato che non sono falliti ma stanno cercando fondi nel B2B ho speranza che presto o tardi la situazione si sblocchi.

            Questo non toglie che, nel frattempo, se trovassi quel tipo di superficie concava e liscia (la cyberith si usa con le calze e non scarpe speciali come la Virtuix) ci proverei a realizzare qualcosa con i VIVE Trackers

          • StateCalmi

            1) Alla fine come vedi sei costretto a darmi ragione, Virtuix Omni è l’unico disponibile sul mercato dato che Virtualizer non è acquistabile, tu confermi quello che avevo detto io all’inizio di questa inutile discussione partita dal fatto che tu non vuoi ammettere mai la ragione che hanno gli altri.
            2) Il fatto che provvedere personalmente alla spedizione di una cassa da 117 Kg costerebbe troppo, dovrebbe indurre Virtuix a spedire migliaia di Omni tramite conteiner e poi affidare al Amazon la distribuzione in Europa.
            Quando lo farà, inizierà a guadagnare molto di più.
            Comunque con trasporto aereo a me il prezzo di spedizione con UPS viene 2525,30 dollari arrivo in 3 giorni.
            3) La tua manfrina contraddittoria è la seguente: “Non è l’unico dispositivo, c’è anche la Cyberith, che secondo me è migliore ed è prodotta in Austria, per cui molto più semplice ed economica da spedire, solo che hanno problemi economici al momento e non riescono a far partire la produzione di massa (nemmeno per chi ha già pagato!!!)” Ti rendi conto delle contraddizioni che dimostri?
            Prima dici che Virtuix non è l’unico, poi dici che c’è anche Cyberith ma che non ha ancora prodotto niente e non ha neanche restituito i soldi a chi li aveva anticipati (cosa che invece Virtuix ha fatto, e cioè ha restituito i soldi a quelli che non possono avere il loro prodotto CHE E’ IN PRODUZIONE ma siccome vivono all’estero… bla bla etc. etc.
            Tu sei tutte chiacchiere e distintivo, anzi senza distintivo, complimenti!!!
            Ma non hai niente da fare?

          • mmorselli

            Nemmeno Virtuix è acquistabile, stanno lentamente cercando di evadere gli ordini dei backers kickstarter, per correttezza, ma il prodotto non è in vendita al pubblico, stanno vendendo, esattamente come Cyberith, solo al B2B, ovvero sale giochi, fiere e parchi tematici. La differenza con Cyberith è che Virtuix qualcosa ai backers ha mandato, gli altri invece sono lì, arrabbiati, da due anni, che aspettano. Ma tu (o io) non potremmo acquistare una Virtuix nemmeno se abitassimo a Los Angeles. Tutto questo è spiegato nel loro sito, basta leggere.

            BTW, uno dei motivi per cui non possono spedire migliaia di Virtuix in Europa con i container è anche che non sono in grado di produrre migliaia di Virtuix, non hanno i soldi per avviare una produzione di massa per la quale servono milioni di euro, fabbriche, logistica, personale assunto, ecc… Gli andrebbe bene (soprattutto a noi) se venissero acquistati da qualche produttore importante. Al momento sono solo degli artigiani hi-tech

          • StateCalmi

            Peccato, quindi ho fatto bene ad aspettare per buttarmi dentro la VR, personalmente, senza una piattaforma per camminare come Virtuix Omni o simile, la VR non mi attira più di tanto, voglio fare il salto quantico con visore, guanto e tapiroulant… anche se, se con Scorpio esce anche un visore o se fosse compatibile Oculus o HTC beh allora ci penserei, a quel punto con una tale diffusione forse anche Virtuix…

          • mmorselli

            Ma guarda che pure la Virtuix pare che non sia la soluzione globale… Scivolare con i piedi non è la stessa cosa di camminare, ci sono diverse recensioni che lo fanno notare, non è realistico, non assomiglia minimamente ad un passo su un tapis roulant da palestra. E’ solo uno step in più, sempre meglio che muoversi con i controller o con il teletrasporto. Questo non vuol dire che la VR sia da buttare, giochi da seduto come i simulatori di guida o astronave sono fantastici, immersione totale se lo fai nel modo giusto, giochi in piedi come i wave shooter sono molto divertenti ed immersivi, poi non in tutti i giochi si gira per una città in cerca di zombie da uccidere, ci sono rithm game o altri giochi di abilità, ci sono i flipper, che io adoro… un sacco di roba che funziona veramente bene, semplicemente i giochi come Fallout, appunto, non funzionano ancora, l’esperienza è molto ridotta, ma non esiste solo Fallout. Sul camminare, io ho un tapis roulant magnetico (120 euro) e un rail shooter che lo supporta, quando cammino lui va avanti, e ammazzo i mostri… la sensazione di camminare su una strada è molto convincente, anche se vai sempre solamente dritto, ma del resto è una strada dritta su un dirupo, che vuoi fare? 😉 Basta scegliere i titoli giusti e la VR è già oggi eccezionale.

          • StateCalmi

            Non sapevo che esistesse un tapisrolulant magnetico da soli 120, potresti essere più preciso su come si chiama e come funziona? All’inizio della VR attuale, ai tempi del DK1, io pensavo che comunque, anche da seduti, l’esperienza di un qualsiasi FPS vissuta indossando un visore VR sarebbe stata straordinaria… Purtroppo da quei giorni è passato troppo tempo prima di poter comprare un vero visore e l’entusiasmo e la voglia di comprovarlo sono sfumati nell’attesa (anche perché ad oggi servono 1500 euro minimi per fare questa “prova” tra visore, arma, PC, escludendo l’opzione PSVR che è troppo limitata).
            Ho la sensazione di aver perso il treno della VR, nonostante potrei spenderli oggi quei 1500, quello che non voglio è vivere una esperienza limitata, ma temo che dovrò aspettare ancora 2 anni per poter indossare un visore VR HD collegato a Scorpio su un tapisroulant simile a Virtuix Omni imbracciando un arma in un FPS frenetico e divertente o un gioco tipo Condemned.

          • mmorselli

            I tapis roulant magnetici li trovi in abbondanza su Amazon, io ho preso il Diadora EVO durante un’offerta, ma al massimo si trova a 150. Costano poco perché non hanno il motore, il rullo è ammorbidito da un lubrificante al silicone e si muove grazie al fatto che almeno una mano la tieni sempre sul passamano (quindi è come spingere un carretto, solo che la forza viene scaricata dal rullo). Non ci puoi correre, solo camminata veloce, ma per quello che volevo fare io, cioè usarlo con un titolo VR, va benone. L’autore per altro è gentilissimo è sta continuando a patchare il software sulle mie richieste.

            Mia opinione sulla VR attuale, è vero che è limitata, ma vale comunque la pena, anche perché dubito che usciranno visori nuovi nel breve, hanno più da rimetterci che guadagnarci ad uscire con un visore a risoluzione più alta, diventerebbero ancora meno le persone con un pc in grado di reggerlo. Sbaglierò, ma per me prima di un paio d’anni non esce nulla, solo accessori. Vedi che persino l’eye tracker è stato fatto uscire come accessorio per il VIVE, mentre avrebbero potuto proporre un visore nuovo con questa caratteristica come plus, come fa Apple che ogni volta aggiunge una caratteristica sfiziosa per vendere il modello nuovo… Ma la VR non è trendy come gli smartphone, per cui andranno molto più lentamente.

            Le pedane come la Virtuix è un discorso a parte, tecnicamente già ci sono titoli VR che potrebbero usarle, come gli ultimi Serious Sam, ma chi lo sa quando saranno realmente acquistabili? Meglio godersi quello che la VR offre oggi, che non è poco, e poi godere di nuovo quando miglioreranno le periferiche.

      • ITALI-LORI-MONTI

        concordo…devono mettere la scelta…altrimenti rovinerebbero tutto…credo però che lo sanno bene e vedrete che c sarà la scelta…