Sono parole dure, forti e molto dirette: eppure Roy Taylor, Corporate Vice Presidente di AMD, ha affermato al VR World Congress tutto il suo interesse per questo Fallout 4 VR, spiegando come questo titolo possa essere un nuovo punto di inizio, capace di cambiare il modo in cui viene vista e pensata la realtà virtuale. Non si è limitato a dire ciò, ma ha anche paragonato il titolo a giochi che hanno fatto la storia e rivoluzionato l’industria, come quelli di Mario e Sonic.

fallout-4-man-and-dog-1024x576

Fallout 4, quando è uscito nel 2015, si è subito mostrato per la sua vastità, creando un mondo di gioco libero, aperto e composto da personaggi ben caratterizzati. Ora immaginate tutto questo in un gioco VR: la stessa industria VR che non ha ricevuto, ad oggi, un titolo tripla A con le caratteristiche di Fallout 4. In effetti, un Fallout 4 VR ben gestito potrebbe dapprima aprire le porte ai titolo open-world in prima persona gestiti in realtà virtuale; poi, potrebbe persino stendere il tappeto rosso per un The Elder Scrolls esclusivamente VR: riuscite a pensarci? Speriamo che Roy Taylor abbia ragione: d’altronde mancano pochi mesi e all’E3 2017 potremo vedere dal vivo questo Fallout 4 VR, scoprendo se davvero il gioco di Bethesda rivoluzionerà il settore, oppure no.