Nella città di Torino si è tenuta la 21° edizione del Cartoons On The Bay, Festival Internazionale dell’Animazione Cross-Mediale e della Tv per Ragazzi. Tenutosi all’interno del Palazzo Carignano, al Museo del Risorgimento, dall’6 all’8 aprile 2017 ed è stato promosso da Rai e organizzato da Rai Com, noi di VR Gamer, in quanto media partner, abbiamo assistito in prima persona al festival. In questa edizione il paese ospite è stato il Giappone, sono stati accolti più di 800 professionisti e il programma tenutosi si è rivelato vasto, intriso di conferenze, panel e masterclass veramente interessanti. Il concorso Pulcinella Awards ha registrato 500 opere, provenienti da 50 paesi da tutto il mondo e i giovani creativi italiani hanno avuto la possibilità di presentare i propri progetti. Il pubblico ha potuto assistere ad una moltitudine di lungometraggi e cortometraggi, molti in anteprima nazionale. Nel corso dei vari panel, gli ospiti hanno parlato e detto la propria riguardante molti argomenti che spaziano dall’animazione in generale ai videogiochi, arrivando a citare la realtà virtuale in diversi argomenti e con molteplici punti di vista, compresa una conferenza con una professionista del settore interamente dedicata a tale argomento, segno che questa tecnologia si sta espandendo, grazie alle infinite possibilità che offre a media differenti. Il Cartoons On The Bay è stato un evento interessante, non solo per quanto riguarda il mondo dell’animazione, ma anche per la VR.

Alison Norrington ha tenuto una conferenza riguardo lo sotrytteling per la VR,

Alison Norrington ha tenuto una conferenza riguardo lo storytelling per la VR.

Durante il Cartoons On The Bay, i vari ospiti hanno mostrato un certo interesse per quanto riguarda il mondo della realtà virtuale ed erano entusiasti riguardo questa tecnologia. Helene Jueguet, Vicepresidente Business Development TV e Digital Production Ubisoft, ha dichiarato come avviene la creazione dei mondi all’interno delle loro opere ed ha anche citato il titolo Eagle Flight, sostenendo che il videogioco non deve rimanere chiuso in sé stesso, ma espandersi attraverso i vari media per consentire un futuro più radiante. Tomonobu Itagaki, game designer giapponese creatore di Ninja Gaiden e Dead or Alive, ha tenuto un panel riguardante l’importanza delle opere cross-mediali: pensa che siano una cosa veramente positiva e devono condizionare le persone. Gli interventi di tutti i personaggi di spicco sono stati rilevanti, mentre il più importante e approfondito si è tenuto nel corso della conferenza con Alison Norrington, scrittrice, consulente e storyteller riguardante l’ambito della realtà virtuale. Dopo uno scetticismo iniziale, ha compreso che la VR è un ambiente nel quale cambia il mondo di narrare e le storie devono essere il punto fondamentale di ogni esperienza. Il Cartoons On The Bay è un festival stimolante, a cui possono tenere parte, non solo chi è interessato all’animazione, ma a tutti coloro che si cibano si storie.

ha parlato di Eagle Flight e l'importanza dei vari media.

Helene Jueguet ha parlato di Eagle Flight e l’importanza dei vari media.

La manifestazione si è aperta a più mondi, come quello della VR, dei videogiochi, dei film live action e fra i vari ospiti vi erano anche fumettisti e artisti di vario genere. Il programma presentato è stato colmo di eventi a cui tenere parte: varie sale con molti lungometraggi, corti e panel interessanti, uno dietro l’altro. All’interno del Museo, si respirava un’atmosfera internazionale, poiché vi erano persone di tutto il mondo e il pubblico poteva prendere parte gratuitamente alle proiezioni, elemento veramente positivo. Il festival è qualcosa nel quale investire sempre di più nel futuro e sicuramente darà uno spazio maggiore alla realtà virtuale. Spero che nel corso del tempo, il Cartoons On The Bay, si espanda, tuttavia non perda mai l’essenza e il cuore principale su cui si basa. In Italia dovrebbero tenersi più eventi come questo, poiché il campo dell’animazione viene ancora visto come un media dedicato ai più piccoli, fortunatamente si celebra l’importanza e la maturità che possiede il disegno in movimento. Unica nota negativa: ogni cosa bella ha una sua fine.

A proposito dell'autore

Giulio

Cresciuto ad arancini, Playstation 1 e Windows '98, la carriera videoludica di Giulio si arricchisce di conoscenze su ogni genere. Da Uncharted a Journey, passando per il suo gioco preferito: Heavy Rain, che unisce l'amore per il videogioco ed il cinema. Insoddisfatto dell'opere che non lo portano a vivere all'interno di mondi incredibili, si interessa alla Realtà Virtuale. Sentirsi il protagonista di una storia è sempre stato il suo sogno, tranne quando si presenta la motion sickness.

Post correlati