Parliamo finalmente di un gioco completamente italiano: Immotionar, una divisione della Beps Engeneering che ha sede a Torino, ha annunciato il rilascio della pre-alfa di Hit Motion. A capo di questo team di sviluppo ci sono due italiani : Gianni Rosa Gallina e Antony Vitillo. Ma vediamo di capire cos’è Hit Motion e quali sono gli obiettivi di Immotionar: in questo titolo nostrano ci troveremo su di un ring, sospesi al centro dello spazio, intenti a colpire con calci e pugni tutti gli oggetti che ci voleranno addosso. Tale progetto viene definito come il primo gioco con tutto il corpo in realtà virtuale che sia anche crossplatform: infatti sfrutta contemporaneamente l’utilizzo dei visori assieme ai sensori di movimento.

I visori attualmente compatibili con il gioco sono: Oculus Rift, Samsung Gear VR, HTC Vive e OSVR. La scelta per quanto riguarda i sensori si limita invece alle prime due versioni di Microsoft Kinect, con la promessa pero di aumentare la compatibilità anche su questo fronte. Lo scopo di Immotionar risulta molto chiaro e viene evidenziato dalle affermazioni che possiamo leggere sul loro blog.

La nostra visione è che ognuno dovrebbe usare il suo corpo in VR, perché solo usando tutto il corpo puoi avere la vera realtà virtuale! Ecco perché stiamo sviluppando il sistema ImmotionRoom per lasciarti vedere ed usare ogni parte del tuo corpo… e anche se al momento usa dei sensori come il Kinect, le reazioni dei nostri tester sono entusiasmanti!

ImmotionRoom è il software sviluppato dalla stessa azienda torinese sul quale si basa tutto il loro lavoro. La demo e la pre-alfa di Hit Motion sono entrambe scaricabili dal sito ufficiale di Immotionar, sul quale troviamo anche una versione SDK che aggiunge pacchetti per Unity3D per lo sviluppo di nuovi giochi. La ricerca dell’immersione totale del corpo all’interno della realtà virtuale è l’obiettivo di molti sviluppatori ed il sogno di chiunque si interessi a questo mondo, e sapere che una realtà italiana è in prima linea nella ricerca e nello sviluppo in questo campo non può che renderci orgogliosi. Non tarderemo a tenervi aggiornati su qualsiasi notizia riguardante questo team di sviluppo ed i loro prossimi lavori.

A proposito dell'autore

Enrico Nardacci
Staff Writer

Appassionato di videogiochi fin da tempi non sospetti, inizia il suo percorso con Doom II continuando ad appassionarsi a generi sempre differenti, passando dai picchiaduro fino alle avventure grafiche. La sua attenzione si focalizza in modo particolare sulle storie, sulle loro implicazioni, sul modo di narrarle e soprattutto sul peso delle decisioni che si possono prendere al loro interno. Ora che la realtà virtuale gli permette di immergersi completamente in questo mondo, vuole capire quanto sia profonda la tana del Bianconiglio.

Post correlati

  • JCVDammen

    Trovo assurdo che non sia compatibile con psVR,

    • https://skarredghost.wordpress.com TonyVT SkarredGhost

      I servizi con cui funziona girano su Windows… PSVR è tutto un altro ecosistema e fare il porting richiede decisamente tempo. Il gioco in sè è fatto in Unity, quindi a buildarlo per PSVR ci vorrebbe poco

  • JCVDammen

    E poi spero che il gioco sia ben diverso dal trailer che è … fatto davvero male… musica no comment, rallenty stile anni 90…

  • https://skarredghost.wordpress.com TonyVT SkarredGhost

    Grazie per aver condiviso il nostro lavoro! :)

    P.S. Il gioco è stato fatto insieme agli indie Massimiliano Ariani e Victor Pukhov