Ripetiamo sempre che il nostro momento è ormai prossimo, che manca poco, che il futuro è oggi. Non è sempre però risulta facile capire con quale metro di misura vengono fatte queste affermazioni, ma nella maggior parte dei casi, si parla di un lasso di tempo relativo ad un processo complesso e difficile da gestire: quanto la realtà virtuale ha messo le sue radici nel substrato culturale dei paesi più moderni? È importante per il media capire come raggiungere le masse e anche quale tipo di pubblico è riuscito ad attrarne l’attenzioni. Sono molti gli studi che vengono fatti al riguardo, ma è interessante il caso della Corea del Sud, territorio dove la tecnologia è un settore che riceve moltissima attenzione. Nexon Computer Museum ha infatti realizzato un sondaggio in cui veniva chiesto, alle persone che entravano nel museo, quante di loro avessero provato la VR. Su 303 visitatori, l’89% ha affermato di aver già sentito parlare della realtà virtuale, e il 68% è anche riuscita a provarla, di cui il 78% anche più di una volta. La ricerca non si è limitato solo a questo, ma anche quale genere di intrattenimento fosse ritenuto più interessante.

Nexon Computer Museum pie charts

Tra film, viaggi, esperienze culturali e altre, la categoria dei videogiochi ha dimostrato di aver conquistato le persone con un 58% delle preferenze da parte di coloro che hanno provato la realtà virtuale. Come se non bastasse, è stato osservato che l’età influenza il modo in cui l’attenzione alla piattaforma sia distribuita, considerando un 70% di adolescenti e giovani adulti che hanno preferito maggiormente il genere dei videogiochi, mentre le persone di età compresa tra i 40 e i 50, prediligono il genere viaggi. Per quanto un sondaggio così, con un numero ristretto di persone e soprattutto all’interno di un museo dedicato alla tecnologia (per cui si suppone che molti dei presenti fossero comunque influenzati da un interesse di fondo), possa risultare non proprio affidabile, è sorprendente come rispecchi le previsioni fatte fino ad oggi, dimostrando che forse ci stiamo decisamente muovendo nella direzione giusta. Considerando inoltre che fino a poco tempo la VR non era neanche un argomento discusso dalle grandi masse, questo umile sondaggio dimostra anche che l’interesse è cresciuto. Presto… Presto il nostro momento arriverà!

A proposito dell'autore

Tutti i videogiocatori, fin dalla più tenera età, hanno sognato di poter entrare dentro al videogioco: lui non è diverso. Perchè limitarsi al controller, mouse e tastiera? Da quando la realtà virtuale sta prendendo piede, ha deciso che vuol prendere a pugni i nemici virtuali con le sue stesse mani.

Post correlati

  • Davide

    Mi stupisce non vedere ancora il nome di prodotti assurdi associati ad un tormentone tecnologico.
    Dopo mentadent hd e successivamente 3d max white, mi aspetto un dentifricio vr…